Offerta Hotel Imperial

Il migliaccio di Carnevale

Il migliaccio di Carnevale

Ogni festa ha il suo dolce tradizionale, qualche volta anche più di uno. È il caso del Carnevale che, oltre alle chiacchiere, “tiene” anche il migliaccio. Un dolce di origine contadina, assai diffuso a Napoli e provincia, che un tempo veniva addirittura preparato col sangue di maiale. Oggi non più anche se, come sempre in cucina, ne esistono tantissime versioni.  Di seguito, quella che abbiamo scelto per voi. Buona lettura.

Informazioni
:
– Tempo: 1 ora
– Difficoltà: bassa

IMG_7621

Ingredienti:

– 125 gr. di semolino;
– 3 uova;
– 250 gr. di zucchero;
– 250 gr. di ricotta;
– 25 gr. di burro;
– 1/2 litro di latte;
– 125 gr. di acqua;
– 1 bicchiere piccolo di limoncello;
– 1 bustina di vaniglia in polvere;
– un pizzico di sale;
– un pizzico di cannella;
– scorza di arancia;
– zucchero a velo.

Procedimento:
1) In una pentola mettere l’acqua (un bicchiere);
IMG_7622
2) il latte (4 bicchieri);
IMG_7628
3) lo zucchero (circa metà del dosaggio indicato);
IMG_7639
4) la scorza d’arancia;
IMG_7642
5) il burro;
IMG_7645
6) e, infine, la cannella e un pizzico di sale.
IMG_7661
7) Quando il latte è caldo, togliere la scorza d’arancia e aggiungere il semolino un po’ alla volta;
IMG_7703
8) girare energicamente per evitare che si formino grumi;
IMG_7704
9) continuare la cottura per altri 10 minuti circa.
IMG_7714

****
10) In una ciotola incorporare le uova;
IMG_7666
11) e lo zucchero (l’altra metà).
IMG_7669
12) Dopo aver mescolato un po’ con l’ausilio di una frusta elettrica, aggiungere la vaniglia;
IMG_7722
13) la ricotta;
IMG_7728
14) il limoncello;
IMG_7730
15) e, infine, il composto realizzato in precedenza.
IMG_7742
16) Dopo aver amalgamato per bene tutti gli ingredienti, versare l’impasto in un ruoto circolare coperto con la carta da forno;
IMG_7752
17) far cuocere in forno (preriscaldato) a 180 gradi per 40 minuti circa.
IMG_7762
18) In ultimo, una volta che il migliaccio si è raffreddato, spolverare con lo zucchero a velo.
IMG_7769
Buon appetito da Ischia

Leave a Reply