Offerta Hotel Imperial

La pastiera

La pastiera

La pastiera è uno dei dolci più importanti della tradizione pasquale partenopea. A Napoli, poi, è quasi una religione (Ischia non fa eccezione), un obbligo cui è impossibile sottrarsi per chiunque. Perciò, se non sapete come si fa, ma volete cimentarvi anche voi nella preparazione di questa bontà, siete nel posto (ops… sito) giusto 😉

Informazioni:
– Tempo: 80 minuti
– Difficoltà: media

Ingredienti per la pasta frolla:
– 500 gr. farina;
– 250 gr. zucchero;
– 250 gr. burro;
– 4 tuorli;
– 1 uovo intero;
– un pizzico di sale.

Procedimento per la pasta frolla:
1) Disporre la farina a fontana sul piano di lavoro;
2) aggiungere nell’ordine: zucchero; burro; uova; sale e una grattata di buccia di arancia e limone;
3) lavorare la pasta il giusto, in modo da conservarne la friabilità (è importante che non si rompa al momento di stenderla);
4) coprire l’amalgama con uno strato di pellicola per alimenti;
5) lasciare in frigo a riposare per un’ora circa.

100_3886
100_3889

Ingredienti per il ripieno:
– 500 gr. ricotta;
– 500 gr. zucchero;
– 8 uova;
– latte q.b.;
– 580 gr. grano cotto;
– 1 fiala aroma d’arancia;
– buccia d’arancia;
– buccia di limone;
– 70 gr. canditi misti.

100_3879

Preparazione per il ripieno:
1) cuocere il grano pre-cotto  insieme a: latte, burro, bucce d’arancia e limone (che andranno tolte a fine cottura). Tempo di cottura: max. 15-20 minuti.

100_3892
100_3895
100_3894

2) stemperare ricotta, uova e zucchero in una terrina;

100_3897
100_3900
100_3902

3) appena raffreddato aggiungere il grano insieme ai canditi e alla fiala con aromi d’arancia.

100_3908
100_3910
100_3914

4) Coprire la teglia con carta forno;
5) stendere la pasta frolla;

100_3916

6) riempire lo stampo fin quasi all’orlo;
7) guarnire con le strisce di pasta frolla.

100_3918
100_3922
100_3925

8) Infornare per circa 1 ora a 150/180°C;
9) attendere che il dolce si raffreddi;
10) aggiungere (facoltativa) una spolverata di zucchero a velo.

100_3926

Buon appetito da Ischia!

Leave a Reply