Frittata di maccheroni

Frittata di maccheroni

È dal ‘500 che i maccheroni (in dialetto ‘e maccaruni) sono il piatto preferito dai napoletani. Una passione viscerale che a un certo punto persuase pure Re Ferdinando IV (poi I) a mangiarli con le mani, proprio come il popolo faceva già da qualche secolo per le strade della città. Con una differenza però: che il Re e la sua corte potevano permettersi piatti assai più sofisticati, come il timpano di maccheroni (o timballo), mentre il popolo non aveva altra scelta che mangiare spaghetti o vermicelli (i formati di pasta più diffusi) con formaggio grattugiato, pepe e strutto. Al più, con le uova trasformando in frittata la pasta avanzata. È così che nasce la frittata di maccheroni, piatto semplice e genuino della tradizione gastronomica partenopea. Una pietanza da portarsi dietro in gita, per un pic-nic, sulla spiaggia, o da preparare a casa per la gioia di tutti: grandi e bambini. Di seguito la nostra ricetta. Buona lettura.

Informazioni:
– Tempo: 30 minuti ca.
– Difficoltà: bassa

Ingredienti:
– 300 gr. spaghetti (o vermicelli);
– 6 uova;
– parmigiano grattugiato;
– pepe;
– salame napoletano;
– provola (o scamorza);
– olio e.v.o.

Procedimento:
1) per prima cosa cuocere la pasta (che andrà scolata al dente);

2) in una terrina sbattere le uova aggiungendo formaggio, sale e un pizzico di pepe;

3) mescolare la pasta e le uova;

4) versare metà degli spaghetti in una padella riscaldata con un filo d’olio;

5) aggiungere salame e provola tagliati a cubetti;

6) versare l’altra metà del composto sopra la farcitura;

7) cuocere la frittata a fuoco lento;

8) girandola una volta con l’ausilio di un coperchio (o di un piatto);

9) terminare la cottura;

10) servire in tavola al momento (anche fredda è buonissima).

Buon appetito da Ischia

Leave a Reply